Blood Ties – La legge del sangue (Blood Ties) è un film del 2013 scritto, diretto e prodotto da Guillaume Canet, con protagonista Clive Owen. Il film, presentato fuori concorso alla 66ª edizione del Festival di Cannes, è il remake della pellicola del 2008 Les liens du sang, dove Guillaume Canet era protagonista.

Gerry Rafferty
Gerry Rafferty

il film riproduce esattamente quell’atmosfera americana degli anni 70 che abbiamo imparato a riconoscere attraverso molti film di quell’epoca sui titoli di coda si ascolta The Long Way Round Gerry Rafferty, un cantautore scozzese morto nel 2011.

Forse non tutti sanno che Gerry Rafferty è anche l’autore di un evergreen composta nel 1978 che si chiama Baker Street. L’avrete sicuramente sentita almeno una volta

E’ il suo più grande successo: Baker Street lo ha reso ricco oltre i suoi sogni, ma ha fatto precipitare Gerry Rafferty in un’autodistruzione ubriaca

Non per niente Gerald ‘Gerry’ Rafferty era noto come il maestro dell’autodistruzione del rock ‘n’ roll.

Ha fatto tutto – ha distrutto camere d’albergo a cinque stelle, è stato ricoverato in ospedale dopo aver bevuto abbuffate su jet privati, ha trascorso anni rinchiuso in costose controversie legali e aspre faide e ha visto il suo matrimonio di 20 anni crollare in un fango alcolico.

Ha vissuto per anni come un recluso depressivo – e ha ascoltato più volte la sua famosa canzone di successo Baker Street. Ogni tanto, si scagliava contro quella che chiamava l’industria della musica “ripugnante”.

Ma, nonostante tutto, era anche un musicista straordinariamente talentuoso, acclamato per avere “una voce veramente bella con un tono perfetto” e come “compositore consumato” di uno dei nostri successi più duraturi: il Baker Street, multimilionario, con il famoso assolo di sassofono impennata.

La canzone ha raccolto oltre quattro milioni di ascolti radiofonici e gli ha fornito una scorta infinita di controlli sulle royalty – oltre £ 80.000 all’anno – dalla sua uscita nel 1978.

Ma la depressione e la contraddizione attraversarono la vita di Rafferty come un nucleo oscuro.

Da un lato, ha affermato di odiare l’attenzione del pubblico e l’industria musicale. “Bob Dylan una volta disse che la fama era una maledizione”, disse Rafferty. ‘Penso che, sin dalle prime fasi della mia carriera, ero consapevole che c’erano insidie ​​della cosiddetta celebrità. Una volta entrato in quel mondo, non puoi più essere l’osservatore nella vita. Diventi l’osservato. ‘

D’altra parte, gli piaceva la sua ricchezza. Noleggiava jet, acquistava una tenuta di campagna e faceva costantemente capolino tra i titoli per le ragioni sbagliate.

Rafferty è stato perseguitato dal suo più grande successo. Perché, nonostante la sua bellezza bruciante, se ascolti attentamente (cosa che si dice abbia fatto ossessivamente negli ultimi anni), Baker Street non è né una canzone romantica né felice.

Il testo parla di alcol e depressione, sesso promiscuo e “persone senza anima” – e si è rivelato preoccupantemente autobiografico. Mentre una frase memorabile include la promessa di “smettere di bere e alzarsi una notte”, il povero Gerry non ha mai conquistato i suoi demoni privati.

Rafferty nacque a Paisley, vicino a Glasgow, il 16 aprile 1947, il terzo figlio indesiderato di Joseph, un irlandese, alcolizzato, sordo minatore e Mary, che fece del suo meglio per proteggere la sua prole dalle furie ubriache del padre.

Ha avuto un’infanzia miserabile. Joseph trascorreva tutti i fine settimana nel pub e Gerry e sua madre trascorrevano ogni sabato sera per le strade per assicurarsi che non sarebbero tornati a casa quando Joseph fosse tornato ubriaco e avariato per combattere.

Come ha riassunto Gerry: “Ci sono stati molti periodi infelici generati da quando ero un bambino. La vita di mio padre non è stata grandiosa: la sua visione del mondo era estremamente limitata. È stata una vita incredibilmente dura.

Joseph morì nel 1963. Gerry, allora 16, lasciò la casa poco dopo – ma non prima che la musica pervadesse la sua vita. Ha ascoltato il compositore francese Joseph-Maurice Ravel nella sua chiesa cattolica, Elvis e Little Richard su Radio Luxembourg e la tradizionale musica popolare celtica e le canzoni dei ribelli irlandesi che il padre ha urlato senza parole intorno alla casa.

Rafferty ha avuto un orecchio incredibile per la musica e rapidamente si è insegnato il banjo. Ha poi collaborato con l’aspirante comico Billy Connolly, suonando in una band in due pezzi nei club sociali di Clyde.

“Siamo gli Humblebum”, avrebbe annunciato Connolly. “Sono Billy Connolly e sono Humble.” La battuta finale parlò da sola mentre presentava Rafferty.

Pubblicarono due album, ma si separarono nel 1971 quando le battute di Connolly si allungarono e le canzoni di Rafferty si accorciarono. Ma sono rimasti amici.

Successivamente, Rafferty ha formato il gruppo folk rock Stealers Wheel con l’amico d’infanzia Joe Egan. Ha co-scritto il successo del 1972 Stuck In The Middle With You con lui – una canzone scherzosa sul non voler partecipare a una festa dello spettacolo.

In seguito ha goduto di un risveglio come colonna sonora per l’orribile scena orribile nel film incredibilmente violento di Reservent Dogs di Quentin Tarantino.

Ancora una volta, la partnership ebbe vita breve. Rafferty ed Egan caddero e furono impantanati in tre anni di dispute legali.

Fu per questa acrimonia che nacque il suo miglior lavoro. Come diceva Rafferty: “È stato attraverso alcuni dei miei momenti più bui che ho scritto alcune delle mie migliori canzoni”.

Scrisse l’album City To City, che includeva Baker Street (che raggiunse il n. 3 in Gran Bretagna) e, nell’estate del 1978, spinse la Night Fever dei Bee Gees dalla cima delle classifiche statunitensi.

Sulla carta, Rafferty ha avuto tutto: successo sia qui che negli Stati Uniti, un felice matrimonio con la dolcezza d’infanzia Carla, una bambina piccola, un talento enorme e molto invidiato e, praticamente da un giorno all’altro, una fortuna da molti milioni di sterline.

Ma poi ha fatto del suo meglio per distruggere tutto – rifiutando a bruciapelo di promuovere Baker Street negli Stati Uniti, dove City To City era diventato platino, e rifiutando innumerevoli richieste di Eric Clapton, Paul McCartney e altre superstar di collaborare alle canzoni.

Alcuni attribuiscono il suo approccio alla maleducazione generale, alcuni ad un odio per la pubblicità, ma altri – come la sua amica attrice Barbara Dickson, hanno insistito sul fatto che fosse semplicemente timido. Ha detto: “Può sembrare molto impenetrabile e difficile da conoscere, ma in realtà è dolce, con un cuore di crema pasticcera solida”.

Non gli andava bene. Invece di abbracciare il suo successo, si voltò verso l’interno, andò in semi-pensione e si trasferì in una fattoria di 300 anni nel Sussex completa di studio di registrazione, sistema di sicurezza e lago in miniatura con aironi.

Per più di un decennio, visse come un eccentrico recluso multimilionario, raramente individuato dalla gente del posto, protetto da Carla da tutti i visitatori o cacciatori di autografi. Non ha mai eguagliato i suoi precedenti successi ed era fin troppo consapevole dei suoi demoni personali.

“Ci sono stati periodi nella mia vita in cui ho avuto depressione”, ha detto. ‘Ma per me cantare e scrivere è molto terapeutico. È molto più efficace dell’assunzione di Prozac. ‘

Ma cantare e scrivere non potevano competere con la marcia dell’alcolismo. Mentre il suo bere aumentava senza controllo, aumentò di dimensioni e soffrì di orribili collera. Il suo matrimonio vacillò.

“Sarebbe diventato pericoloso negli aeroporti” disse Carla. “E mi urlava contro i tavoli del ristorante.” Durante i suoi brevi periodi al di fuori dell’alcool, tirava fuori dalla casa casse di superbo Bordeaux e le faceva cadere nel torrente del suo giardino.

Nel 1990, era troppo per Carla. “Non c’era speranza”, disse. “Non lo avrei mai lasciato se ci fosse stata la possibilità che lui si riprendesse.” Rafferty ha scritto l’album A Wing And A Prayer sulla rottura del matrimonio.

Ma non fu un successo commerciale – a differenza del remix di danza moderna di Baker Street che Undercover lanciò nel 1992 e Gerry dichiarò con rabbia “terribile, totalmente banale – è un triste segno dei tempi”.

Per i prossimi anni fece tutto il possibile per tenerlo alla larga dall’opinione pubblica, trasferendosi prima nella remota città di Strathpeffer nelle Highlands e, successivamente, per vivere con sua figlia Martha a Los Angeles.

Nonostante il suo odio per la pubblicità, non passò molto tempo prima che tornasse in prima pagina mentre la sua vita implodeva.

Innanzitutto, è entrato in una bizzarra e spiacevole faida su Internet con il fratello maggiore Jim, che ha creato un sito web che chiama Gerry “il mio fratello psicotico” e “il Grande Gutsby”, e lo accusa di diventare un “recluso paranoico sovrappeso e addolcito da bevande” circondato da si-uomini ‘.

Poi, nel 2005, c’è stato un sospetto sovradosaggio nella sua casa di Londra – che ha insistito sul fatto che in realtà fosse un ubriaco caduto dalle scale che ha causato una brutta ferita alla testa.

L’anno seguente, fu portato dalla polizia in una clinica quando arrivò in Scozia troppo ubriaco per camminare, su un volo noleggiato privatamente da Los Angeles.

Nell’agosto 2008, è stato nuovamente ricoverato in ospedale dopo aver distrutto una camera d’albergo di Londra. Qualche giorno dopo fuggì senza lasciare traccia, lasciando indietro tutti i suoi averi. Non c’era traccia di lui fino a quando non ha rilasciato un comunicato stampa in cui affermava di essere in Italia a lavorare su un nuovo album.

Ma è stato tutto uno stratagemma. Era davvero nel Dorset, dove non stava lavorando a nulla di nuovo – solo una selezione di versioni rimasterizzate di vecchie canzoni e canti natalizi – e la sua salute era in fatale declino.

La sua morte questa settimana ha segnato una triste fine di quella che avrebbe potuto essere una delle grandi carriere musicali moderne, una volta orribilmente ridotta dalla sua incapacità di far fronte al proprio successo.

In Baker Street, cantò: “Bene, un altro giorno folle, berrete tutta la notte e dimenticherete di tutto”.

Sembra che Gerry Rafferty abbia preso i suoi testi in modo troppo letterale.
“Dal Daily Mail”